E’ la quarta volta che questo accade a Lugo di Romagna il sabato di Pasqua. Si tratta di un raduno di biciclette pieghevoli, di un branco di strani personaggi che pedalano in lungo e in largo per la pianura, cammuffati da TUTTO…..ma tutto questo ha un senso?

Ebbene si il senso c’è, e considerando appunto che i sensi sono cinque, proviamo ad analizzarli ad uno ad uno.
VISTA:
Vedere 380 biciclette pieghevoli che pedalano insieme, è porprio un bel colpo d’occhio.
Vedere 380 personaggi travestiti da quello che il loro lato infantile e ludico gli ha suggerito,beh, non può che  far bene all’anima, il prendersi in giro cammuffandosi per buttarsi nella mischia è segno di grande maturità, insomma, divertirsi è cosa seria.
UDITO:
Sentire 380 pieghevoli che scorrazzano con trombette, carte da gioco tra i raggi, pedali che strisciano il carter o soltanto il roteare frenetico del giro gamba a causa di rapportini improbabili,  è un suono che si può sentire solamente in questa occasione, all’Orgoglio Pieghevole
Ascoltare 380 ragazzi dai 10 agli 85 anni che parlano di tutto, tranne che di competizione, di classifiche e di integratori non ha prezzo.
OLFATTO:
Il profumo di Lugo lo si comincia a sentire da lontano e cresce a mano a mano che ci si avvicina, odore di buono, odore di genere umano…quel genere a cui non importa se sei bianco o nero o azzurro, se sei avvocato o porti in giro le pizze o nun c’hai voglia de fa nulla….si sta insieme e si pedala.

TATTO:
Bisogna metterci le mani sopra per capire cosa sia l’Orgoglio Pieghevole, chi l’ha fatto è stato costretto a ritornarci, toccare per credere!…..non è ancora chiaro se le protagoniste siano le biciclette pieghevoli o i matti che le pedalano, ma questo ha poca importanza.
GUSTO:
Certi travestimenti sono deliziosi, altri suggestivi altri ancora talmente orribili che bisogna avere un gran gusto per optare a simili disgusti….certe foto parlano da sole…..straordinario.
Il gusto poi la fa da padrone in terra di Romagna, ristori a base di gnocco fritto e crostate (fin qui tutto normale), imbattersi poi in tonno, fagioli e cipolla su cornice di ciccioli pressati…è pura poesia….

SESTO SENSO:
Orgoglio pieghevole è una manifestazione destinata a crescere, all’origine fu un spece di flash mob in Graziella, ora sta diventando un fenomeno di costume in costume, il padre di questo evento è Paolo Cristofori, un genio matto che poi tanto matto non è, lui l’ha capito il senso di tutto ciò e grazie a lui…si pedala, si riesumano le bicilette della nostra infanzia, ci si traveste come quando si andava alle feste da ragazzini e si sta insieme per il gusto…….più senso di così.

Paolo Cristofori il padre de L’Orgoglio Pieghevole

Orgoglio Pieghevole è ungiorno di sana follia dove tutto  (o quasi) su due ruote è permesso!
foto Roberto Medri e Lisa Martini

2 Responses

  1. Angela

    Posso solo dire che condivido tutto quello che è stato scritto..nn poteva essere descritto meglio. ..orgogliosa di fare parte di quella splendida famiglia di eterni bambini. .

    Rispondi
  2. Mara

    Io arrivo da Treviso per partecipare e sono felice di farlo. A carnevale sono bravi tutti a camuffarsi….

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.