#INGIROCOLGIRO | Storie di Bici e Dintorni lancia la mostra fotografica di Pozzolo Formigaro, dal 5 maggio 2017 al 2 luglio 2017, presso IL BAR CENTRALE di Piazza Italia orario di apertura dalle 9/19 (chiuso il martedì). Sarà il primo atto di una serie di eventi che pukseranno a fine giugno a Pozzolo nella rassegna “Il ciclismo fra immagini, libri, storie, canzoni e teatro”. L’evento si inserisce nel manifesto delle iniziative che promuovono il Territorio alessandrino in occasione del passaggio della Corsa Rosa da Tortona e da Castellania (19 e 20 maggio 2017)

 

Pozzolo F. (Al), 26 aprile 2016 –  Inizia con la partenza di Storie di Bici e Dintorni, progetto del Distretto del Novese che scatta il 5 maggio dal Museo dei Campionissimi di Novi Ligure (ore 21,30), un viaggio retrospettivo negli anni Cinquanta fatto di ricordi  sportivi e umani, che coinvolge Pozzolo Formigaro.

Quando Pozzolo pedalava per  Fausto Coppi e i suoi Gregari. Nel 1950 nasce con la direzione tecnica del massaggiatore Biagio Cavanna il gruppo sportivo sponsorizzato dalla Società Italiana Ossidi Ferro. Uno dei primi sponsor extra settore del ciclismo agonistico.

A quell’epoca la Siof non era soltanto una fabbrica di colori che dava lavoro ai pozzolesi. In via Garibaldi ci si andava per portare a casa la pagnotta, ma anche per partecipare con la famiglia, ad ogni livello, alle attività culturali e sportive del cosiddetto Dopolavoro.

La Siof, fondata nel 1923, era il cuore pulsante del paese grazie a quel moderno “paternalismo” aziendale dei lungimiranti imprenditori Locatelli, Mazzoleni e Zanella: lì si facevano i colori, lì si cantavano  le canzoni, si faceva teatro, si organizzavano le gite e i viaggi fuori porta.

La mostra fotografica curata da Mario Didier viene allestita al Bar Centrale di Piazza Italia, “il Bar di Ugo”, un luogo che è rimasto identico nel tempo, dalla particolare atmosfera retrò, che ha anche ispirato un romanzo di successo edito Rizzoli, L’ultimo gregario di Pier Bergonzi.

Lì dove si fermava a bere un caffè un certo Gino Bartali, senza paura di incontrare quegli accaniti angeli di Coppi e i loro tifosi, tutti PortaColori della Siof.

 

La mostra, che comprende oltre 30 immagini in bianco e nero, sarà allestita in una versione speciale accompagnando una monografica dedicata anche a Fausto Coppi (di Vito Liverani per @MuseoGhisallo) il giorno 30 Giugno 2017, dalle ore 18,30 alle Cantine del Castello di Pozzolo Formigaro, a completamento di un evento aperto al pubblico (fino alle 23,30) dedicato al Ciclismo fra immagini, libri, storie, canzoni e teatro.

Il clou sarà lo spettacolo teatrale di Allegra de Mandato ed Emanuele Arrigazzi “Può una bicicletta volare?”, allestito con musica live nella suggestiva scenografia della piazza del Castello Medioevale.

Mario Didier il curatore inizia a coltivare la sua passione per la fotografia negli anni 70’. Non senza sacrifici acquista la sua prima Nikon rimanendole  fedele negli anni. Tra esperienze sul campo e primi approcci teorici inizia a creare un suo stile avvicinandosi ai concorsi fotografici, al tempo in grande espansione.

Fotografa il territorio e i suoi eventi, soprattutto di sport (ciclismo, calcio, pallavolo) che interpreta attraverso servizi fotografici i quali evidenziano sempre l’aspetto umano dei protagonisti. Cura l’immagine in tutto il suo ciclo, creando la sua camera oscura e si specializza nel bianco/nero. Collabora con il quotidiano La Stampa.

I crediti della mostra: Archivio fotografico SIOF, Famiglia Locatelli. Con la collaborazione dei Pozzolesi.

#InGirocolGiro | I PortaColori della Siof è un progetto in collaborazione con Alessandria Città delle Biciclette, Monferrato Comunità Europea dello Sport 2017, Piemontebike | Piemonte Ciclabile, ASD Fornasari Auto e con il patrocinio della Camera di Commercio di Alessandria, del Comune di Pozzolo Formigaro, del Comune Castellania, del Distretto del Novese | Museo dei Campionissimi di Novi Ligure e della Fondazione del Museo del Ciclismo Madonna del Ghisallo di Magreglio. Per informazioni mail siofpedala@gmail.com

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.