“Far riscoprire la bellezza della fatica e il gusto dell’impresa”, questa è la chiara dichiarazione d’intenti lanciata da sua Maestà Giancarlo Brocci quando fin dai primi tempi gli chiedevano di esprimere il senso de L’Eroica, in quelle parole è raggruppata l’essenza del successo di una creatura nata vent’anni fa e cresciuta talmente tanto da essere diventata un fenomeno universale, un cult, un impero, vista la conquista di quasi tutti i continenti….una vera e propria colonizzazione.
A far si che il ciclismo d’epoca sia cresciuto così tanto, il merito oltre che alla fatica e all’impresa va dato anche  anche la gente, alle tradizioni ai valori umani dei ciclostorici e a un territorio da favola, tanto che in Italia a tutt’oggi si contano circa centoventi manifestazioni di ciclismo storico.

Nasce allora l’esigenza di mettere insieme una serie di eventi tra i tanti in calendario e proporre un tour attraverso la nostra meravigliosa penisola dove la protagonista sarà la bicicletta in tutte le sue forme ed espressioni.

Si chiamerà “Grand Tour Eroico” questo gruppo di eventi e le manifestazioni che hanno aderito sono già ampiamente conosciute sia dagli addetti ai lavori che sia dai partecipanti, pertanto niente di nuovo……anzi no! Una novità ci sarebbe, e sta nel fatto che alcuni organizzatori avranno la possibilità di dedicare una partenza anche alle altre tipologie di biciclette, un po’ come a L’Eroica nelle prime edizioni.
Le biciclette gravel che ora stanno andando come il pane, però non si confonderanno con le bici d’epoca, non sarebbe giusto, e allora partenze ed arrivi in tempi differenti ma riunite in un unico festival della bicicletta.
Insomma nessun stravolgimento, le ciclostoriche rimarranno ciclostoriche come prima, con le loro caratteristiche e peculiarità,  ma allora quali sono le manifestazioni coinvolte in questo GRAND TOUR EROICO?
Gli eventi in tutto sono nove, si partirà con La Valentiniana nel fine settimana del 22/23 aprile, attraverso la Val Nerina, il lago di Piediluco, la cascata delle Marmore….dove la natura è un’opera d’arte.
Il Primo maggio il villaggio del Grand Tour si sposterà nelle marche e precisamente a Tolentino per LA CICLOCOLLI STORICA,più o meno dove Napoleone firmò la pace con lo stato Pontificio, insomma un paesaggio incantevole tra i monti Sibillini, fino al mare e ritorno.

Terza tappa 21 maggio, Vigevano “LA DUCALE” pensata e fortemente voluta da quel gentiluomo che risponde al nome di Paolo Francesco Tosi. La manifestazione è alla sua seconda edizione, la prima è stata un successo per accoglienza, percorsi e simpatia, lo sarà anche quest’anno.
Per la quarta frazione si rimarrà in Lombardia per “LA GHISALLO”, con la partenza dal Velodromo Vigorelli, passando poi lungo il lago di Como per arivare al Santuario della Madonna del Ciclista e al Museo non penso serva aggiungere altro.
La quinta tappa arriva l’undici giugno, è una delle più antiche, famose e belle del panorama nazionale, signori nientepopodimenochè LA POLVEROSA, una perla nel cuore dell’Emilia, tra le colline più rigogliose d’Italia e i castelli del Gran Ducato di Parma….a tavola poi un tripudio di sapori e profumi della migliore tradizione Italiana.
Dopo quasi un mese di pausa dall’Emilia ci si sposta un po’ ad est per tuffarci nel cuore delle pesche nettarine di Romagna,  sabato 8 luglio sarà la notte ad essere protagonista alle “STRADE BIANCHE DI ROMAGNA”, una formula tanto collaudata quanto avvincente, pedalare a certe ore della notte in compagnia è un’occasione unica e preziosa.

A fine estate si riparte con la settima tappa in quella Toscana del 1300. Precisamente a Montecarlo in provincia di Lucca, LA VINARIA sarà un tripudio di emozioni attraverso un’paradiso di vigneti, a ridosso degli appennini fino a Collodi la casa di Pinocchio e ritorno.

Il 3 settembre la carovana del Grand Tour Eroico si sposterà a Camagna in provincia di Alessandria per LA MONSTERRATO, sulle strade di Girardengo e del Diavolo Rosso Giovanni Gerbi, è una corsa giovane che quest’anno stupirà chi vorrà essere della partita.
Per la nona ed ultima tappa abbiamo scelto un diamante incastonato nella Val di Cembra, “LA GIBOSTORICA”, a casa di Gilberto Simoni nei giorni della festa dell’uva per pedalare lungo l’Adige ed inerpicarsi poi sulla           Vecia ferrovia della Val di Fiemme.
Il regolamento è in fase di rifinitura, le premiazioni finali naturalmente si terranno a Gaiole in Chianti durante la settimana Santa de L’Eroica……..sarà un grande 2017….tutto da pedalare e non solo.

Una risposta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.