Inizia una nuova serie di approfondimenti e interviste con gli esperti per capire meglio cosa mettere nella dieta dello sportivo, del corridore. Con Luca Mondazzi parliamo di olio extravergine d’oliva, un ottimo carburante, una sorta di allenatore naturale @lucianarota

#ladietadelcorridore – C’è chi si alimenta in Zona, strategia nutrizionale considerata fra le più adatte a chi pratica attività sportiva, chi fa ancora il famoso carico di carboidrati prima della competizione o del lungo dispendio di energie, chi sceglie con attenzione le proprie fonti energetiche e chi invece non ci fa caso ma poi… tutto a discapito della forma, qualche volta della performance, per non dire della salute!

Una cosa è certa: la natura ti mette a disposizione un trainer nutrizionale che fila liscio come l’olio, purché sia extra vergine d’oliva – raccomandano gli esperti – e quindi Evo. Insomma, ormai tutti sanno che se ad un buon piano di allenamento unisci un altrettanto valido metodo alimentare e soprattutto stai attento in modo cosciente a quello che mangi, il risultato è evidente. Sotto tutti i punti di vista sarà un successo.

Abbiamo così deciso di iniziare a mettere nero su bianco qualche consiglio per oliare meglio il diario nutrizionale dello sportivo, per aiutarti a migliorare le scelte per la tua dispensa o quanto meno  il menù del corridore, per dare qualche suggerimento giusto a chi pedala. Ma poi seguire certi consiglia andrà bene un po’ per tutti.

Invece di partire dalle famose diete o programmi alimentari prendiamo in esame alcuni alimenti o nutrienti particolarmente interessanti per chi è attento ad una vita attiva nonché propriamente sportiva.

E se è vero che la migliore benzina (pulita!) è proprio da ricercare in ciò che si mangia, iniziamo il viaggio con un condimento che in realtà è molto più del proprio fine: l’olio. Anzi, l’olio extra vergine d’oliva conosciuto come appunto come Evo.

Tutti lo conoscono o credono di conoscerlo, in verità non è tutto così liscio come sembra… ci sono molte cose da sapere per apprezzarlo fino in fondo e promuoverne i valori. Da quando c’è una costante divulgazione sulla cultura del vino e del cibo la storia dell’olio è tornata alla ribalta. Eppure è un beneficio della natura molto antico.

Oggi regala anche soddisfazione a chi si appassiona al suo studio e vuole allenarsi mapei-sportanche nella degustazione: per farlo ci sono corsi per diventare sommelier dell’olio. A Milano si sta svolgendo il primo corso in Lombardia, organizzato dalla Fondazione Italiana Sommelier con docenti molto qualificati (per info qui).

Un viaggio di cultura e passione che fa bene allo spirito e aiuta a compiere giuste scelte alimentari, ma torniamo al fisico. E alla nutrizione sportiva e lo facciamo con le risposte di un autorevole esperto come il dottor Luca Mondazzi, responsabile del Servizio di Nutrizione per lo Sport e del Servizio di Dietologia per il Welness del Centro Ricerche Mapei Sport (il sito QUI)

 

L’olio extra vergine d’oliva  può essere considerato un alimento alleato nella dieta dello sportivo ?
Certamente si. È un ottimo alimento, parte della nostra migliore tradizione alimentare, apportatore di energia e con proprietà anti-infiammatorie, anti-ossidanti ed anti-microbiche.

Quali sono i benefici dell’olio evo per il metabolismo di un atleta?
Il beneficio per il metabolismo deriva essenzialmente dal suo elevato contenuto calorico. In pratica, in molti sportivi di discipline ad alto consumo energetico, come sono tipicamente il ciclismo, il nuoto, il podismo (running), il triathlon, il tennis agonistico ed altri sport, l’olio extravergine di oliva permette di modulare facilmente l’apporto calorico rendendolo ottimale per il singolo atleta senza eccedere nei volumi, cioè senza proporre pasti eccessivamente corposi anche quando il fabbisogno energetico sia molto elevato.

Una scelta giusta anche per i giovani?
Certo. Pensiamo in particolare agli atleti delle categorie giovanili, ancora in fase di crescita ma spesso già estremamente impegnati nello sport , nei quali i necessari apporti energetici devono sempre essere garantiti, magari con soluzioni dietetiche molto personalizzate a causa dei limiti imposti dagli orari della scuola, degli spostamenti verso le sedi di allenamento e verso casa, dagli orari di allenamento e dalle necessità di studio.

Come si inserisce nella dieta di un corridore o di un atleta che fa sport di resistenza?
Un apporto importante. L’olio extravergine di oliva in quantità giuste diviene una risorsa irrinunciabile nei singoli giorni di dieta a basso contenuto in carboidrati nelle discipline di endurance. Infatti, le più recenti evidenze scientifiche provano che in alcuni momenti dell’allenamento in discipline come quelle citate prima la riduzione degli apporti energetici da carboidrati (sotto controllo medico) migliora i risultati dell’allenamento. Proprio in questi giorni, quando si vogliano evitare eccessive riduzioni dell’apporto energetico globale l’aumento degli apporti di olio extravergine di oliva diviene una scelta necessaria.

Possiamo considerare l’olio evo un ottimo carburante? 
L’olio è un ottimo, insostituibile carburante, anche se in molte discipline i carboidrati hanno una maggiore importanza essendo più utilizzabili per produrre energia quando le intensità di esercizio siano molto elevate. Per semplificare all’estremo, l’olio è un eccezionale carburante per la vita nel suo insieme ed anche per lo sport ma i carboidrati hanno qualcosa in più se consideriamo selettivamente il supporto energetico all’esercizio ad alta intensità.

Si dice che rallenti l’invecchiamento vale anche per uno sportivo?
Le elevate qualità di igiene dell’alimento ed i contenuti in sostanze dotate di proprietà anti-infiammatorie, anti-ossidanti ed anti-microbiche fanno dell’olio extravergine di oliva, uno dei capisaldi della dieta di chi voglia mantenersi in salute nel tempo. Direi che questo sia inconfutabile e che l’accento dovrebbe essere posto più sull’allungamento della vita attiva e senza malattie di rilievo che sull’allungamento della vita media in quanto tale anche se questa, ovviamente, conta a sua volta. Sul primo dei due obiettivi l’olio extravergine di oliva è un grande alleato. Comunque, anche se vogliamo valutare le cose in una prospettiva strettamente sportiva, le cose stanno nello stesso modo: una dieta salutare tiene lontane malattie ed infortuni, permette una maggiore efficienza fisica, garantisce di mettere maggiormente a frutto gli sforzi dell’allenamento ed, in ultima analisi permette una maggiore capacità di prestazione sportiva. Tutto questo non può che tradursi in una maggiore longevità sportiva.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.