Dopo un anno di pausa, l’Alta Valtellina Bike Marathon è tornata e si è regalata un nuovo tracciato e oltre 1.200 partecipanti. Il primo a tagliare il traguardo è stato l’atleta russo Alexey Medvedev. L’italiana Valentina Frasisti è stata invece la più veloce tra le donne.

3 AVB.GioFoto

La settima edizione dell’Alta Valtellina Bike Marathon è stata un grande successo: in una splendida giornata estiva,  gli oltre 1.200 partecipanti hanno pedalato per 86 km, scalando tre salite impegnative (Passo Alpisella, Passo Trela e San Colombano) e superando un dislivello di 3.000 metri. Come ricompensa per le loro fatiche, il meraviglioso panorama del Parco Nazionale dello Stelvio. I corridori, provenienti da Italia, Germania, Austria, Svizzera, Colombia e Russia hanno attraversato otto laghi, quattro passi, dodici valli e cinque alpeggi.

Dopo una dura battaglia con il colombiano Arias Cuervo, il russo Alexey Medvedev, del team Polimedical, ha vinto la gara Marathon con il tempo di 3:56:41. Nella categoria femminile, Valentina Frasisti del team GHOST, è stata la più veloce con il tempo di 4:54:40.

Per quel che riguarda il percorso Classic (52 km con 1.860 m di dislivello), a trionfare nella gara maschile è stato Moreno Trabucchi che ha battuto il tre volte vincitore Enzo Gnani. Monica Maltese dal team Triangolo, ha dominato la classifica femminile.

Arias Cuervo in un passaggio spettacola sul percorso marathon attraverso il Parco Nazionale dello Stelvio

Arias Cuervo in un passaggio spettacolare sul percorso marathon che attraversa il Parco Nazionale dello Stelvio

Un paesaggio mozzafiato, un tracciato di prima categoria con salite dure e discese veloci, un’organizzazione perfetta: ecco gli ingredienti del ritorno dell’Alta Valtellina Bike Marathon. Sia i partecipanti che i numerosi spettatori sono rimasti impressionati dal nuovo tracciato. «Un grande percorso e una perfetta organizzazione», queste le impressioni di Valentina Frasisti, vincitrice della cat. Marathon.

Chi non ha potuto partecipare quest’anno, può cominciare a farci un pensierino per la prossima edizione!

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.