Diventare eroi è un’impresa. Da costruire dettaglio dopo dettaglio. Diventare eroi della Sellaronda Hero di sabato 27 giugno Mondiale Marathon in MTB è una sfida che spinge al massimo le capacità di resistenza e richiede tecnica, attrezzatura al top, spirito di adattamento, quello tipico del fuoristrada: per saperci fare col fango o con la polvere, sullo sterrato, sui single track o su e giù attraverso pietre e radici, comunque in mezzo alla natura.

Sul fronte della resistenza chi meglio di Hubert Pallhuber può spiegare come si deve fare. Lui che mondiali in fuoristrada ne ha vinti e faticatori da ruote grasse ne ha convinti a provare a fare come lui… Anche e anzi meglio in maglia azzurra. “Non credo che si arriverà ad una volata. Proprio per questo credo che il campionato del mondo si deciderà nella penultima e nell’ultima salita. Lì si vedrà chi ha la miglior condizione e la miglior resistenza. Da non sottovalutare anche l’importanza dell’ultima discesa, dove si vedrà l’atleta più concentrato e lucido. A proposito di favoriti, il numero uno è il colombiano Leonardo Paez, già capace di vincere le ultime tre edizioni della Sellaronda HERO. In discesa non perde tempo ed anche in salita potrebbe essere più forte dei suoi avversari. Se non vince questa volta, non vincerà più…”

Diventare eroi della Hero significa dunque mettere in campo tecnica, endurance e una mente allenata, in due parole: fisico e lucidità che vanno curati. Forse non tutti sanno che la lucidità (e la mente) si possono allenare anche attraverso l’alimentazione e l’integrazione, prima, durante e dopo la gara. Dicono gli esperti dell’Equipe Enervit che utilizzano questo palcoscenico per testare i loro prodotti facendo ricerca: “… ogni singolo momento e gesto della tua preparazione, atletica, psicologica e alimentare aiuterà a cogliere la bellezza della competizione e il risultato atteso, senza mai perdere di vista il divertimento, in uno dei contesti naturali più belli al mondo: le Dolomiti”. 

Enervit, infatti, con la sua Equipe scientifica ha ideato e lanciato un’innovazione assoluta che proverà alla Hero: “Si chiama Enervit Carbo Flow – spiega Paolo Calabresi direttore marketing e cicloamatore (su strada) di un certo livello  – Il segreto sta nei flavanoli del cacao. Si tratta di una miscela esclusiva di particolari carboidrati, arricchita con i preziosi flavanoli del cacao: queste molecole sono naturalmente presenti nel cacao e aiutano a mantenere l’elasticità dei vasi sanguigni, contribuendo al flusso sanguigno fisiologico, che veicola ossigeno ai muscoli e al cervello. Enervit Carbo Flow è a base di un particolare cacao (Hi Flavanol) che contiene fino all’800% di Flavanoli in più rispetto al cacao convenzionale. Inoltre, utilizza una particolare miscela di carboidrati ed ha un basso contenuto di grassi (1,6%), caratteristiche che lo rendono ideale da assumere anche prima dell’attività sportiva”.

 

Una risposta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.