Giuseppe Rossi bike - CopiaIl mio? È molto meglio di un mestiere. Sono Giuseppe Rossi e ti porto a pedalare per passione.

Come tutte le storie, anche la mia ebbe un inizio ben preciso….e  taaak in quell’istante preciso, il  quadro, da anni appeso al chiodo, improvvisamente si staccò. Sono ciclista da sempre! DNA da agonista …tanto da trasformare in sfida l’acquisto della focaccia dal panettiere in fondo alla via. Ci siamo capiti?

Gli allenamenti scandivano la mia settimana e la domenica presto via con il “pulmino azzurro” di papà a gareggiare sui circuiti piemontesi. Erano i tempi delle maglie di lana con le scritte cucite a mano da mamma e i caschetti a strisce formato “salsicciotti”. Quello che ora è vintage per me era attuale. E così fu per molti anni passando dai circuiti cittadini alle gare in linea fino alla straordinaria scoperta della Mountain Bike.

Improvvisamente tutto iniziò a prendere una diversa forma, tutto assunse un diverso significato; era cambiato il mio personale punto di vista. Gli sterrati. S T E R R A T I che bella questa parola. Insomma, quelli del Langarolo-Monferrini  diventarono il mio habitat naturale fino a quando, stanco di percorrere migliaia di chilometri all’anno, sia pure su straordinari sentieri, sia pure partecipando ai più impegnativi eventi agonistici… fino a quando (non lo nego, anche per ovvie ragioni anagrafiche) ad un tratto iniziai a rallentare la mia andatura. Che faccio, mi sono chiesto, rallento? Lo accetto?

Quella improvvisa frenata mi fece osservare il territorio da un diverso punto di vista: è stato come se da quel momento, durante le mie pedalate, per la prima volta vedevo qualcosa che non avevo mai visto. Ma il cambiamento era più profondo. Riuscivo ad emozionarmi non per quello che stavo facendo, ma per quello che stavo vedendo!

È nata così in me la consapevolezza di avere a disposizione un territorio eccezionale e soprattutto ho capito che quelle emozioni dovevano essere assolutamente condivise. Avevo finalmente maturato cosa avrei voluto fare da grande.

Curioso e testardo come non mai ho iniziato a poco a poco a scoprire il mondo (nuovo per me) del cicloturismo, frequentando impegnativi corsi di studio per imparare di più sul territorio in cui da anni abitavo, ma conoscevo assai poco. Le serate passate sui libri condividendo caffè e panini con eccezionali e oserei dire anche un po’ pazzi compagni di avventura, mi hanno fatto capire che la strada scelta era quella giusta.

La mia grande passione per le due ruote (a pedali) è l’incredibile stimolo per raggiungere grandi obbiettivi. Sono Guida Turistica, Guida Cicloturistica e Istruttore di Mountain Bike. Sono uno che si diverte come un matto. Con e senza gente che pedala con me. Meglio in compagnia, dai. Comunque uno che si diverte. E non è poco. Se volete seguitemi. Sono arrivato anche qui.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.