C’è lo sprinter: il velocista puro, quello potente, quello che parte ai 500 finali, quello che sembra un gatto e sguscia da non sai dove, quello imprevedibile, quello che vince con il treno giusto ma solo con quello. E quello che è un fuoriclasse punto. E c’è il velocista che tiene in salita. Nella fattispecie parla spagnolo. Veste i colori della Movistar. Non è una sorpresa perché anche in altre precedenti stagioni (è professionista dal 2011), nelle prime scaramucce dell’anno è spesso fra quelli in evidenza. Non sarà (ancora) un campione con la C maiuscola, ma ha comunque solo 26 anni e cercando bene fra gli italiani, ad esempio, un corridore così non lo troviamo.

Forte in volata ma tiene in salita. È lo specialista che si è imposto nella seconda tappa del Santos Tour Down Under in corso in Australia e si chiama Juan José Lobato. Primo nella frazione da Unley a Stirling di 150.5 km, dove la maglia di leader resta sulle spalle dell’australiano (ritrovato ed è un piacere!) Jack Bobridge che sta dicendo al mondo che è pronto per tentare anche l’ora. Il record s’intende.

Lobato, intanto, vince in modo speciale, sorprendendo nel finale il sudafricano Daryl Impey (Orica Green Edge) e il compagno di squadra Gorka Izaguirre Insausti. Juan Josè si impone alla sua maniera, che è quella del velocista che tiene in salita, una caratteristica che lo accomuna al compagno del team Movistar, José Joaquin Rojas. Corre alla maniera di Kelly, quello della prima parte della carriera. Sorprende  per la sua forza, una forza, forse, tipica di chi è abituato ad allenarsi in Spagna (strade che salgono, strappi corti e duri e poi il traguardo a perdifiato). Un corridore che nelle corse a tappe corte, di una settimana, si è già fatto conoscere.

C’era e c’è lo sprinter puro. C’era e c’è Lobato, sprinter che tiene anche in salita. Quinto posto per il coriaceo Cadel Evans. Che in Australia e non solo è un vero idolo. Ottavo e capolista della classifica per i migliori giovani il nostro Niccolò Bonifazio.

Dal sito ufficiale Sam Bewley on stage two of the 2015 Tour Down Under http://tourdownunder.com.au/

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.