Blue Bike Books -- EponymousLibri e bici, per combattere la crisi. Crisi delle librerie, che chiudono e cadono come birilli, crisi di lavoro, che non c’è e bisogna inventarselo. La fantasia, le buone idee ci sono, finché la burocrazia italiana non ci mette lo zampino.

In questo caso, Tribook è una bella sfida, a cui bisogna guardare con ottimismo: l’idea di Michela Gualtieri e Brian Suarez, a Milano, propone una sinergie tra il circuito delle librerie indipendenti e l’e-commerce. Vuoi comprare un libro? Se lo cerchi nel catalogo integrato delle librerie milanesi puoi decidere, ora, se andare ad acquistarlo di persona oppure se fartelo portare a casa, in poche ore, in bicicletta.

Si tratta di un’idea che va a supportare le librerie di quartiere: libri a chilometro 0, in pratica, secondo un progetto che offre un’alternativa etico/sostenibile ai grandi store online. Tutto ruota attorno a una piattaforma web: tramite un accesso riservato, i librai possono gestire la lista delle disponibilità del loro negozio attraverso una semplice interfaccia. Il pubblico, invece, possono effettuare ricerche relative a pubblicazioni di loro interesse e visualizzare su una mappa le librerie che ne dispongono in quel momento. L’utente pagherà solo il prezzo di copertina e il costo di consegna, mentre il libraio verserà una sottoscrizione annuale e una percentuale sulle vendite. Il progetto sta per partire a Milano, nel giro di qualche mese: il servizio di consegna dei libri sarà gestito da Milanbike.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.