Avete presente le manifestazioni di ciclismo vintage che si stanno diffondendo sempre di più in Italia e non solo? Bene, ve ne segnaliamo una che ogni anno diventa nuova grazie alla passione dei suoi organizzatori. Gente che pedala e ha pedalato con passione da sempre. Persone con idee che portano avanti in un territorio spettacolare per percorsi e paesaggi. Ecco le novità di quest’anno nel comunicato ricevuto dagli organizzatori.
Segnate la data in rosso sul calendario. Ci siamo stati lo scorso anno e vi assicuriamo che ne vale la pena!

fonteBNIl ciclismo storico viene rivoluzionato. Il desiderio di pedalare immedesimandosi nei corridori che hanno scritto la storia del ciclismo trova una nuova frontiera. Il 27 luglio a Montelparo, nelle Marche, il ciclismo d’epoca ritrova la sua natura primordiale, “selvaggia”, con “i Forzati della Strada”.    

Una libera pedalata – rigorosamente gratuita – su un percorso che, come promette il nome, metterà alla prova la forza di volontà dei moderni-ciclisti-antichi.   

Non ci sono obblighi di iscrizione o di tempi da rispettare, ognuno potrà pedalare come vuole sul percorso diventato permanente de “i Forzati della Strada” che si snoda sulle strade bianche delle colline dell’entroterra Fermano. La partenza è prevista alle 8 del mattino e chi vuole potrà liberamente unirsi al gruppo preoccupandosi, però, di provvedere a munirsi di copertoncini o tubolari di scorta e anche al proprio rifornimento di bevande e cibo, perché proprio come accadeva agli albori del ciclismo ognuno doveva pensare alle proprie necessità. Si assisterà, dunque, ancora all’assalto delle fontanelle di acqua o dei bar, e persino ai pozzi dei tanti casolari disseminati lungo il tragitto.    

Il percorso, diventato permanente e a disposizione di quanti vogliano cimentarsi in una impresa d’altri tempi, è interamente segnalato e c’è perfino una pianta dove sono indicati i numerosi tratti di strada bianca, le fontanelle e le strade alternative per ridurre il chilometraggio previsto dal “circuito dei “Forzati”.    

Il raduno è previsto nella piazza antistante il Comune. Per unirsi al gruppo dei “Forzati della Strada” non è necessario pedalare su bici antiche (anteriori al 1985) ma è, almeno, indispensabile avere una bici da corsa e indossare abbigliamento d’epoca (maglia e pantaloncini di lana).    

boscoAl termine della passeggiata chi vuole potrà pranzare con i compagni di pedalata, un pasto d’epoca ad un prezzo simbolico.    

Il percorso è di circa 85 chilometri. L’andatura sarà libera, ma al termine di ogni salita è prevista una sosta per raggrupparsi (chi vuole può continuare per conto proprio).    

La pedalata “i Forzati della Strada” è una passeggiata, una libera escursione in bicicletta su strade bianche e asfaltate per bici da corsa e non per mountain bike. L’intero tragitto da percorrere è aperto al traffico. Pertanto, tutti i ciclisti che desiderano pedalare con “i Forzati” dovranno rispettare il Codice della Strada. Ogni ciclista si assume la responsabilità delle proprie azioni.    

Alla pedalata si accoderanno auto e moto d’epoca, ma non ci sono staffette al seguito: “i Forzati della Strada” è una libera pedalata domenicale tra ciclisti uniti dalla stessa passione per la storia delle due ruote e del ciclismo epico. Una giornata per rivivere lo spirito e le emozioni del ciclismo “selvaggio” dei pionieri. Perché è questo lo spirito che “i Forzati” vogliono ricreare pedalando sulle strade bianche che si snodano intorno a Montelparo.    

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.