Giorgia Bronzini (Wiggle Honda) colora d’azzurro il Giro Rosa. Dopo 12 mesi, la due volte campionessa del mondo torna a vincere una tappa del Giro sulle strade campane, grazie a uno sprint eccezionale.Alle sue spalle la sempre più Maglia Rosa, Marianne Vos (Rabo Liv Women Cycling Team) che anticipa la portacolori del Team Alè Cipollini Galassia, Shelley Olds, terza. A Frattamaggiore prendono il via 150 atlete e fin dai primi chilometri la velocità di gara è elevata, come lo dimostra la media dopo la prima ora, 44,225 km/h.

Foto di Nicola Ianuale

Foto di Nicola Ianuale

Nelle prime posizioni si alternano le atlete del Team Alè Cipollini Galassia e della formazione norvegese Hitec Products, padrone della corsa. L’unico vero attacco di giornata è quello di Alexandra Burchenkova (Rusvelo) capace di raggiungere un vantaggio superiore ai 90”.

Ripresa la coraggiosa atleta russa, le squadre delle velociste hanno tenuto cucita la corsa, fino al traguardo. La più veloce, però, è stata l’iridata di Copenaghen 2011, Giorgia Bronzini.

“Sono proprio contenta, la Campania mi porta davvero fortuna. Dedico questa vittoria al Team e in particolare a Rochelle Gilmore, la nostra Team Manager. Volevo questo successo e l’ho ottenuto”, sorride una raggiante Giorgia Bronzini.

“Oggi non è stata una tappa facile, le squadre delle velociste hanno mantenuto alta la velocità per tutta la corsa. Nel finale la mia squadra ha svolto un ottimo lavoro, Giorgia però è stata più forte di me, oggi”. Questo il commento di Marianne Vos, leader della generale e titolare della maglia ciclamino.

 

Soddisfatta Shelley Olds, terza al traguardo: “Le mie compagne sono state splendide durante tutta la corsa, mantenendomi sempre nelle prime posizioni. Nel finale, ero a ruota della Bronzini, ma non è bastato per vincere. Sicuramente ci riproverò nella tappa con arrivo a Cesenatico”.

Si riconferma miglior giovane la transalpina Pauline Ferrand Prevot (Rabo Liv Women Cycling Team), mentre Ashleigh Moolman (Hitec Products) conserva la maglia verde. Elisa Longo Borghini guida la classifica speciale dedicata alle migliori italiane.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.