Sanremo in vista… non la Classicissima, bensì il festival. E per sorridere, eccoci a rievocare una famosa performance canora: quella di Coppi e Bartali, in tivù.

Una rivalità che ha fatto la storia, ma anche una grande amicizia: tuttavia, nello scherzo, anche la canzone di Coppi e Bartali era un emblema di una competizione in tutto. Battute in musica, che avevano un significato e che oggi andiamo a rileggere e a spiegare.


TESTO E SPIEGAZIONE DELLA CANZONCINA di Giulio Gorgolini
Bartali: Le nostre lotte sui monti e sul piano, e sulle alpi coperte di nevi…
Coppi: Come perdevi, come perdevi!
Bartali: Ti ricordi quella volta che ti ho atteso a Saint Malo
Qui Bartali si riferisce ad una tappa del Tour de France dove Fausto Coppi cade nei pressi
di Moen e danneggia la bici. In aggiunta a questo fatto l’ammiraglia tarda a portare la bici di scorta. E così il Campionissimo resta indietro di molte posizioni.
Così Binda dall’ammiraglia raggiunge  a St.Malo Bartali e lo convince (malgrado i suoi brontolii orgogliosi…) ad aspettare Coppi per aiutarlo a recuperare posizioni.
Coppi: Di memoria non ne ho molta, non ricordo proprio no. Mi ricordo viceversa che ti ho spinto sulla Aspen
In questo caso l’episodio si somiglia con il precedente, ma invertito nei ruoli dei due corridori.
Pare addirittura che Bartali si fosse attardato perché aggredito dalla folla di francesi (la leggenda narra addirittura di una vecchietta che brandiva un coltello)
Bartali: La memoria anche io l’ho persa, non me lo ricordo ben.
Coppi: Che dirai mio comandante nel vedermi pedalar.
Coppi chiama Bartali suo comandante perché quando entrambi erano alla Legnano, Coppi era un gragario di Bartali
Bartali: Ti dirò sedutastante che l’é tutto da rifar.
Coppi: Giri d’Italia ne ho vinti tanti. Senza mai prendere droghe eccitanti.
In effetti Coppi ha vinto non solo 5 Giri d’Italia, ma è anche stato il più giovane vincitore del giro a soli 20 anni.
Bartali: Giri d’Italia lui si li vinceva, ma le prendeva oh se le prendeva!
Ironia sull’uso di doping. Non fu mai accertato.
Coppi & Bartali in coro: Fummo rivali però cordialmente, fummo nemici ma sempre lealmente. L’antagonismo che ci divideva, come piaceva, come piaceva!

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.