Dove il cielo diventa rosso e sembra un incendio appeso in aria, dentro quella nuvola indiana, calda come l’amore, dipinta di guerra e di battaglia, una bicicletta corre per la sua strada tra praterie e gole color della ruggine…In quel mondo ovattato e polveroso, dove l’acqua scorre in un fiume blu che persino i sassi sembrano diamanti, una bicicletta corre con i suoi sogni aggrappati ad un manubrio…Cantilene  e remoti suoni di tamburi mandano messaggi che tagliano l’aria come lunghi coltelli nella notte!

In quel cielo  porpora, che nemmeno il sole più accecante riesce a penetrare, una bicicletta corre come una freccia verso un cuore lontano, un cuore trafitto da un amore impossibile, un cuore che batte il tempo sulla sella più selvaggia e primitiva…In quel mondo nulla più resterà come prima, nemmeno i fili d’erba che si muovono come ombre nella sterminata prateria…Quella freccia a due ruote non fallirà il suo bersaglio!

Movimento cicistico, acrilico su tela

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.