Emma Johansson (Orica) ha vinto oggi a Cittiglio (VA) il trofeo Alfredo Binda, seconda prova di Coppa del Mondo donne organizzata dalla Cycling Sport Promotion di Mario Minervino. La Johansson ha regolato in volata un gruppetto composto da altri sette corridori che si erano involati con lei lungo l’ultima salita di giornata, la salita di Orino, la cui sommità dista dal traguardo poco meno di 8 chilometri.

Elisa Longo Borghini

Elisa Longo Borghini

Al secondo posto, battuta d’un soffio, si è piazzata Elizabeth Armitstead (Boels Dolmans) mentre sul terzo gradino del podio è salita Alena Amialiusik (Astana Be Pink). Prima delle italiane è stata Elisa Longo Borghini (Hitec Products) sesta: “Sono felicissima per il successo – ha sottolineato raggiante Emma Johansson . la gara di Cittiglio è un po’ come un campionato del mondo. C’è la folla delle grandi occasioni e questa gara si addice proprio alle mie caratteristiche. Per questo motivo vengo sempre molto volentieri al trofeo Binda. Domenica sarò al Giro delle Fiandre”.

“Il risultato è in linea con le attese – ha commentato il CT azzurro Dino Salvoldi – tutte le migliori erano nel gruppetto di testa. Complessivamente anche le italiane si sono classificate tra le migliori. Insieme alla Longo Borghini un piazzamento di rilievo lo hanno ottenuto la Bronzini, la Cecchini, la Ratto. Attualmente queste sono le forze in campo”.

“Mi chiedono sempre quale delle edizioni disputate finora è la più bella – ha dichiarato Mario Minervino dopo l’arrivo – Senza dubbio è quella di oggi grazie allo splendido spettacolo offerto sia nella gara delle junior che quella delle elite; due gare che hanno entusiasmato il pubblico”.

 

Da segnalare; un tentativo solitario di Trixi Worrack (Specialized Lululemon) al km 40 con un vantaggio massimo di 12 secondi

Fuga di 6 corridori: Megan Guarnier (Boels Dolmans), Lucinda Brand (Rabo Liv Women), Amanda Spratt (Orica), Lisa Brennauer (Specialized Lululemon), Mayuko Hagiwara (Wiggle Honda) Valentina Carretta (Ale’ Cipollini) che guadagnano circa 45 secondi attorno al km 53 di gara. Il vantaggio è aumentato fino a sfiorare un minuto poi è iniziato a discendere a partire dal Km 60, dopo il primo passaggio per la salita di Orino. Il tentativo si conclude al km 74.

Altro importante attacco; quello portato da Megan Guarnier (Boels Dolmans) che al km 87 esce dal gruppo e guadagna una decina d secondi di vantaggio sul resto del gruppo. Alla battistrada si sono poi aggiunte anche Lucinda Brand (Rabo Liv Women) e Chantal Blaak (Specialized Lulumon). Al km 108 il gruppo è tornato compatto.

 

Ordine d’arrivo: 1. Emma Johansson (Orica) km in 3h5’24” media km/h 40,032; 2. Elisabeth Armitstead (Boels Dolmans); 3. Alena Amialiusik (Astana Be Pink); 4. Anna Van Der Breggen (Rabo Liv); 5. Pauline Ferrand Prevot (Rabo Liv); 6. Elisa Longo Borghini (Hitec Products); 7.Olga Zabelinskaya (Rusvelo); 8. Elen Van Dijk(Boels Dolmans); 9. Giorgia Bronzini (Wiggle Honda) a 49”; 10. Elena Cecchini (Estado De Mexico Faren)

Una risposta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.