Bologna, le bici, una festa per tutti, un raduno del più interessante fenomeno di partecipazione (sul web e non solo) degli ultimi anni: #salvaiciclisti. Dove non arrivano la comunicazione e le associazioni tradizionali, ci arriva la rete. Dal virtuale, al reale. Tutto è pronto, nel capoluogo emiliano: l’8 e 9 febbraio si svolgerà a Bologna “Bici Senza Frontiere”, il gioco a squadre per i partecipanti al ritrovo nazionale dei ciclisti urbani organizzato dalla campagna #Salvaiciclisti. Sono 15 le squadre iscritte con massimo una ventina di elementi per ogni squadra, saranno quindi alcune centinaia i ciclisti urbani sul campo di gioco allestito in piazza Maggiore per sabato pomeriggio, dalle 12 alle 16 circa, provenienti da tutta Italia: Roma, Torino, Firenze, Cesena, Modena.

“Bici Senza Frontiere” è un appuntamento per tutti. I giochi sono stati pensati per riproporre le situazioni quotidiane del ciclista urbano, come nel “bike to school”, in cui i genitori attraversano la giungla urbana per portare a scuola bambini di tutte le misure, o nel “bike to work” dove i giocatori affronteranno tutte le disavventure possibili nel percorso casa-lavoro per timbrare il cartellino in tempo. Uno spazio per i più piccoli sarà allestito nel cortile di Palazzo d’Accursio, con giochi per bambini dai dai 2 ai 13 anni, e competizioni per bici a scatto fisso e momenti di ballo e spettacolo in Piazza Maggiore. Domenica 9 febbraio è invece dedicata agli itinerari guidati in bicicletta per scoprire la città delle acque e la memoria civile della città, organizzati da Vitruvio con le associazioni dei famigliari delle vittime del 2 agosto, di Ustica e dell’Uno bianca.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.