cuniolo

Manina contro il Diavolo Rosso, il primo grande dualismo: tutto piemontese. Manina era Giovanni Cuniolo, l’avversario era Giovanni Gerbi. Dall’era del carbonio e del ciclismo elettro/programmato si fa un salto in un altro ciclismo: quello polveroso e cigolante, fatto da cavalieri in sella ad anticavalli.

Giovanni Cuniolo con Fausto Coppi, di cui fu il primo consigliere

Giovanni Cuniolo con Fausto Coppi, di cui fu il primo consigliere

Giovanni Cuniolo, primo campione italiano su strada: e con orgoglio, indossò per la prima volta, una maglia tricolore. Un tricolore che indossava ovunque, anche nelle sei giorni, viaggiando per i velodromi di tutto il mondo…

Il primo grande velocista, in un’epoca in cui la velocità era meraviglia, spavento, fascino. Ispirava i futuristi, preoccupava le autorità e i benpensanti, esaltava i giovani. Cuniolo, uno dei pionieri, con una storia che nessuno conosce bene e che ora, finalmente, compare in un libro e viene illustrata in una mostra, nella “sua” Tortona: quattrocento pagine di ricordi, un’impresa anche questa, curata da Claudio Gregori.

A Tortona, poi, prosegue una bella mostra Palazzo Guidobono: fotografie e cimeli saranno visibili fino a domenica 2 febbraio.

Qui, invece, presentiamo un bel documentario: per le vostre serate alternative alla tivù…

www.youtube.com/watch?v=B_DQaSC7-V4

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.