hovding

di Guido P. Rubino

Voglio farmi la bici nuova, tu che sei esperto, che mi consigli?
Se siete appassionati pedalatori, dall’aria almeno un po’ tecnica (cioè: che i vostri amici vi hanno classificato come “esperto del settore”) prima o poi questa domanda vi arriva. Cosa rispondete?

Vi consigliamo due domande, secche:

– Quanto vuoi spendere?

– Cosa ci devi fare?

La prima richiesta su quanto vogliano spendere è indispensabile. Anche più della seconda. Se conoscete chi vi fa la domanda avrete già un’idea di cosa vorrà farci. Ma potrebbe sempre stupirvi, quindi chiedete sempre il fine dell’acquisto.

Dal prezzo che ha in mente il vostro interlocutore vi renderete conto subito della situazione. Sotto i duecento euro avrete il diritto di sentirvi offesi, o quasi (cosa vieni a chiedere a me, che sono esperto, di una bici da supermercato?)

Al di sopra si può iniziare a ragionare, con cautela. Più c’è da spendere e più, ovviamente, si allarga il mercato delle proposte e delle idee. Forcella ammortizzata? Bici da trekking (vero)? O mountain bike.

Sulle bici da città spesso si concentrano le domande degli amici che non pedalano per sport (ma lasciamogli sempre aperta una possibiltà, se comprano una bici nuova, magari, possono allargare il raggio d’azione e includere qualche gita fuori porta).

Sulle bici da città c’è anche un’interessante evoluzione tecnologica. Dalle fisse, che in questo contesto possiamo relegare più alla moda che a fini pratici (ma, tranquilli, torneremo sul discorso), alle bici vere e proprie. Un panorama di pieghevoli (su cui stiamo per farvi una sorpresa proprio su cyclemagazine) e anche di bici a pedalata assistita. Assieme a tanti modelli dedicati a spostarsi leggeri e comodi. La domanda successiva quindi è:

– Che spostamenti prevedi di farci?

Dalla risposta si capirà se serve il cambio (e di che tipo) se si potrà (molto probabilmente) rinunciare ad una forcella ammortizzata che spesso porta più peso che comfort (in città si pedala comunque piano, ma la bici può servire sollevarla o comunque anche su un cavalcavia la differenza di peso può essere importante, anche in giacca e cravatta).

A questo punto un’idea già ci sarà e se proprio il nostro interlocutore sta pensando alla grande distribuzione, almeno, che sia di qualità.

Poi, però, proviamo ad aprirgli gli occhi verso un mondo un po’ più costoso ma con i suoi vantaggi. Chi più spende meno spende, si dice. E allora almeno erudiamolo sulle possibilità di cui forse non è a conoscenza.

Fermento cittadino

E6000_ON_BIKESono sempre di più le possibilità delle biciclette da città. Dai gruppi dedicati ai sistemi a pedalata assistita. Che non è una “bicicletta col motore”, ma una soluzione per spendere meno accorciando le distanze… continuando a pedalare. Il sistema proposto di recente da Shimano, con i componenti “Steps” fa capire che gli orientali hanno visto un mercato cui puntare. Un mercato in crescita vertiginosa in tutta Europa. Pure in Italia dove i numeri, va detto, partono dal basso. Ma l’incremento è esponenziale. Cos’ha di diverso il sistema Shimano rispetto ad altre bici a pedalata assistita? Autonomia ed integrazione. Ne abbiamo approfondito il discorso sul nostro sito tecnico (cliccate qui) e il tutto permettendo alla bici di mantenere una linea da… bicicletta. E non da motorino.

SW-E6000_ON_BIKE2Interessanti anche i passi per quanto riguarda la sicurezza. Al di là di quel che manca alle città. Tema sempre vivo, c’è da segnalare un fermento di innovazioni interessanti su misura del ciclista. Qualcosa avevamo scoperto anche quando eravamo stati a Vienna, in occasione di Velocity, ma quello che arriva dalla Svezia è forse il casco più innovativo degli ultimi anni… perché non è un casco: è un airbag. Viene la curiosità di provarlo se non fosse per il prezzo ancora un po’ altino. Ma se le idee partono poi si industrializzano pure. E ben vengano allora. Soprattutto quelle che si sposano con la moda. Perché la bicicletta ormai fa parte della moda in città. L’esigenza di averla diventa come quella di un buon cappotto. Ma volete mettere?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.