via_gaggio_foglie_morte

Domenica 20 ottobre il ciclismo d’epoca tocca Piemonte e Lombardia nella stessa giornata, con la “Ciclostorica delle Foglie Morte”: un raduno di bici (e ciclisti) d’epoca che tocca alcune delle zone più belle della valle del Ticino, in parte su strade chiuse al traffico. Come per ogni “ciclostorica” che si rispetti, si pedalerà anche su strade bianche e sterrate, in particolare sulla Via Gaggio, una antica strada in terra battuta che si snoda per quasi tre chilometri tra boschi, reperti storici della Seconda Guerra Mondiale e gli ultimi lembi rimasti dell’affascinante brughiera.
Particolarità della ciclostorica è il percorso (55 km) che tocca appunto due diverse Regioni nello stesso giorno, Piemonte e Lombardia; partenza (in gruppo, alle 10 del mattino) e arrivo sono dall’attrezzatissima area feste di Cardano al Campo, a un minuto dalla più vicina uscita della superstrada per Malpensa. Il percorso si spingerà nella valle del Ticino, passerà sulla sponda piemontese, risalendo verso l’antica Badia di Dulzago di Bellinzago Novarese, dove sarà allestito il ristoro. Circa 10 km del percorso si svolgono su strade bianche o sterrate in buono stato.
Per partecipare si consiglia naturalmente l’uso di bici d’epoca (da corsa o di altro tipo) e di abbigliamento ciclistico d’epoca o comunque retrò; in alternativa sono ammesse anche bici single speed e scatto fisso, purché con abbigliamento retrò.

La “Ciclostorica delle Foglie Morte” è organizzata da Asd Cicli Turri di Gallarate, che nello stesso giorno promuove anche l’omonima Randonnèe, con tre distinti percorsi. Ci si iscrive online fino al 17 ottobre sul sito www.asdcicliturri.it  Il giorno della manifestazione ci si potrà ancora iscrivere sul posto, a 13 euro. Le cicliste hanno iscrizione gratuita offerta dall’organizzazione.

Una risposta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.