foto 3
foto 2A Casalguidi il dream team di Franco Ballerini aspetta il passaggio. Degli azzurri, i suoi azzurri. E della corsa. La sua Corsa. Il Mondiale di ciclismo. A Casalguidi, il cimitero e’ box Italia, dove partono ordini e contrordini. Li’ c’e’ Alfredone Martini con radiocorsa appiccicata all’orecchio e dall’altra parte una sottile sigaretta che si spegne in mano.
 Il grande saggio resta seduto sulla sedia davanti a una tv collegata sulla corsa. Attorno c’e gente agitata che non si da’ pace. Qualcuno che disturba. Altri che vogliono esserci per finire in televisione. Il Dottor Monsellato in ansia. E poi Archetti, Borselli, Nieri, Cavalcanti, Cerea, Algeri, Bianchi, Fagnani, Mugnaini, Pengo… Tutti si danno un gran da fare. Tu prendi appunti in silenzio. Fai gentili pr, quelle che vuole lui, il tuo CT, “perché l’armonia di un gruppo si sente anche da lontano”. E assapori, lentamente, ora dopo ora, il trionfo azzurro.
A Casalguidi hanno pensato a tutto. Anche a tenere accesa e grande la luna piena del Mondiale, come voleva lui. Il Ballero. “Lucianina , hai visto lassù? Anche la luna ci guida e ci da’ consigli. Faremo un grande mondiale” .
 foto 1
La vigilia e’ iniziata da tempo, a Casalguidi. Persino la festa patronale e la grande fiera di settembre e’ scivolata via quasi nell’anonimato. Il circolo MCL Ariston di Casalguidi – praticamente il bar centrale – da due settimane ha inaugurato una mostra dedicata a Franco. Semplice e bellissima. Dove puoi rivivere tutta la carriera. Davanti allo spazio per il monumento a Franco Ballerini, che inaugura l’area sportiva della cittadina, fino a qualche giorno fa, vivacchiava un distributore di dolci da fiera. Profumo di frittelle. Non ne hanno venduta una di frittella perché’ li’ la gente passava solo per vedere dove sarebbe stato messo il monumento a Franco. Inaugurazione ufficiale sabato 21 settembre!

Poco più’ in la’ c’e’ il campo da calcio e il tennis e la palestra. Ci fanno sport quasi duemila ragazzi. Nel nome di Franco Ballerini. E un capannone, dove silenziosi operai del cuore in questo mese di settembre hanno tirato a lucido un gigantesco striscione, trenta metri per quindici, con l’immagine di Franco. Fra cimitero-box Italia e campo sportivo ci sara’ lui, il Ballero, per il passaggio della corsa iridata.
foto 5Alla rotonda incriminata che tanto ha fatto dannare ” i Balleri”, da Luigi (un Ricasoli, papa’ di Sabrina Ballerini, detto comunemente “Ragnolino), a Luca (il cognato, un Bardelli), a tutti gli amici  di Franco Ballerini che si sono associati per dare vita a mille iniziative… Hanno tenuto botta a sopralluoghi burocrazie polemiche amministrative, perché si passasse da lì, dal box. E la rotonda, va da sè, e’ diventata una mezza luna. Sparito il marciapiede. Tagliata in due  per consentire il passaggio del gruppo che si presume la taglierà a sua volta in due, a forte andatura.
Verso Firenze. Una scia. Un inchino. Una preghiera. Un ricordo. Ogni corridore di questo mondiale lo avra’ per Franco. Lo vedi gia’ Fabian Cancellara diventare più piccino della locomotiva di Berna che e’ per stringere forte il manubrio. Fin a toccare la mano del suo amico Ballero. Non e’ solo favorito da chi se ne intende. Fabian gli voleva bene davvero e nel ciclismo la fatica annulla il dolore.
La buona causa per vincere? Eccola. Sara’ così per tanti. Una corsa iridata di sentimenti. Che mette tutti in subbuglio. A Casalguidi come ovunque. Ed e’ così se la vivi pensando a chi manca su quella ammiraglia. Allora non ci pensare. Stai anche tu con loro al box. Del cimitero cheto di Casalguidi.
Foto Bettini

Foto Bettini

Quel muro azzurro che la Sabri ha fatto pitturare (di certo non a prezzo di favore, nun sia mai…) dietro alla tomba di Franco e’ la parete del box Italia. A una certa ora del giorno l’iride stilizzata che abbellisce il monumento trasporta la sua ombra sulla parete. Sembra una scia. Che arriva da un percorso di pave’. Quattro paline segnalano i successi: Tre Valli Varesine 1987, GP des Ameriques 1990, Paris-Roubaix 1995, Paris-Roubaix 1998…

Ad una certa ora del mattino, domenica 29 settembre, saremo tutti lì. Accanto ai Balleri. A box Italia. Inseguendo un sogno. Azzurro. Che non tornera’ piu’ ma sarai sempre li ad aspettarlo.  Come quella volta a Zolder. Come ogni volta che squillava il cellulare. Il Ballero. “E allora Lucianina, come va?”.
Il circolo MCL Ariston di Casalguidi tutta la settimana del mondiale per appuntamento (3282607120 Luigi) propone una mostra dedicata a Franco Ballerini, voluta dal presidente del Circolo Federico Gorbi e dal Consiglio. 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.