la silver king lof cycle

A New York, faceva voltare gli uomini: non era una bella ragazza, ma lei, la cromata Silver king. Nome completo, Silver King Flo cycle, prodotta dall’azienda americana Monark (gli stabilimento erano a Chicago), dal 1931 al 1940. La chiamavano “floating bicycle”, traduzione letteraria “bici galleggiante”, perché la sensazione, pedalando sulla Silver king era quella di galleggiare, grazie a un sistema di ammortizzazione, molto particolare. In particolare, aveva un particolare brevetto tra il carro posteriore e la scatola movimento che garantiva il comfort. Telaio in alluminio, ruote da 24”.

ray-sinatra-cycling-orchestra

Negli anni del proibizionismo, questa bici, non per tutte le tasche, era una nota di allegria, nelle strade d’America. E la sua popolarità crebbe notevolmente grazie a un programma radiofonico dal titolo “Cycling the Kilocycles”. A condurlo, il cugino di Frank Sinatra, Raymond, che dirigeva e faceva suonare la sua orchestra proprio in sella alla Floating bicycle: l’ammortizzazione “dava” ritmo… Ray Sinatra fu un buon musicista dagli anni Trenta fino alla fine degli anni Cinquanta: non lavorò mai col più noto Frank. Egli fu compositore e arrangiatore per un tenore e cantante melodico meno noto, Mario Lanza, italo/americano nato a Filadelfia e con una breve carriera (anche se i successi non mancarono). La Ray Sinatra Cycling orchestra diedero fama alla Silver King, una bici con una storia davvero particolare.

floating ride

La bici “galleggiante”, grazie a sistema di ammortizzatore sul carro posteriore del telaio

IN questo modello del 1936 vi era anche il contachilometri e il tachimetro

IN questo modello del 1936 vi era anche il contachilometri e il tachimetro

1936_Silverking_Flocycle_1835-02

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ray Sinatra, in un’esibizione con la sua orchestra, negli anni Quaranta:

Dalla superleggera del grande campione, all’invenzione di vostro zio, fino alla vostra prima bici: ricordi e storie, ogni bicicletta merita di essere raccontata. Potete farlo anche voi, inviando le vostre storie a: redazione@cyclemagazine.eu, con almeno una foto della bicicletta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.