10-SerpenteInBiciclettaNon le vedi mai, ma quelle selle dove affondano le natiche quel gruppo di eroi in bicicletta, portano e sopportano il peso di ogni minima celebrità! Destra e sinistra, salite e discese, curve e controcurve, loro sono l’ultimo trono dei tanti re della strada infinita…

Zigzagano gli invincibili paladini di un’epica lontana, senza lasciare impronte, sporchi di colorata fatica, unti di sudore, mentre i loro sguardi sembrano perduti in lunghi e stretti corridoi che odorano di folla e di catrame!

Non le vedi mai, ma quelle selle dove si affollano segreti di uomini e di storie, sorreggono e sopportano milioni di pensieri che strisciano in un assordante fragore di gloria mentre ai bordi di un’esistenza chiassosa e indiavolata la gente urla chissà che cosa, chissà perché!?…

Il serpente si attorciglia con tutti i suoi colori e le sue macchie…Eccolo che arriva con le sue lusinghe, seducente e adulatore, ingannevole e allettante, rasentando il ciglio della strada in quel suo movimento ondeggiante, sensuale e titubante…

Non le vedi mai, ma quelle selle dove si annidano i ricordi sono nidi di memoria, tane per valorose gesta che non dimenticano mai il passato…e mentre il serpente accarezza la sua strada i campioni attraversano il loro destino, quell’incredibile ed invisibile linea che qualcuno chissà dove, chissà quando, ha chiamato traguardo!

Non le vedi mai, ma quelle selle dove affondano le natiche quel gruppo di eroi in bicicletta, portano e sopportano il peso di ogni minima celebrità!…Loro sono l’ultimo trono dei tanti re della strada infinita!

 

“Serpente in bicicletta” – opera di Roberto Sironi – acrilico su cartoncino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.