Piazza Mercato, Napoli

Piazza Mercato, Napoli

Di Lorenzo Franzetti (foto di Guido P.Rubino)

Luca Simeone, coordinatore del Bike festival di Napoli, ciclista urbano

Luca Simeone, coordinatore del Bike festival di Napoli, ciclista urbano

In piazza del Gesù c’è un fatto nuovo: un gruppetto di scugnizzi entra per la prima volta alla ciclofficina Massimo Troisi per chiedere di riparare le loro biciclette, da tempo inutilizzate: «Per andare al mare, perché fa caldo. E ora al mare ci puoi andare anche con la bici, prima era impossibile». Vivere il mare, a Napoli: ecco la novità. La bici e la pista ciclabile, una porta sul mare di una città che, prima, non lo viveva: anzi, quasi non lo vedeva.

Tra i volontari della ciclofficina, in piazza del Gesù, c’è Luca Simeone che è tra i paladini di una grande scommessa per Napoli: «Nei giorni di festa, la pista ciclabile e il lungomare Caracciolo sono affollatissimi e durante la settimana, ora, capita di vedere anche la donna manager pedalare in sella a una pieghevole».

La prima estate “ciclabile” di Napoli è un successo. Più che ciclabile, è la città con una sola ciclabile, ma quell’unica pista è simbolicamente importante: «I napoletani si stanno accorgendo di quanti sono i ciclisti in città. Prima non ce ne rendevamo conto: ora, con la ciclabile convergono tutti in un itinerario. Prima i ciclisti erano dispersi nel traffico e cercavano di sopravvivere dribblando auto in coda o in sosta».

Luca Simeone è anche il coordinatore del Bike festival, la festa napoletana della bicicletta, che verrà organizzata a settembre: «Il senso del Bike festival è soprattutto culturale: perché, naturalmente, la ciclabile non basta. Per questa città oltre a un percorso a misura di bici, ci vuole anche un percorso culturale. Perché la vera scommessa, ora, è cambiare la mentalità. E a Napoli la cultura della mobilità sostenibile è ancora tutta da formare».

Infatti, una sola pista ciclabile, un “micro” intervento, tutto sommato, ha generato comunque polemiche e discussioni: «A Napoli c’è notoriamente voglia di partecipare e discutere su qualsiasi cosa. E anche la novità della ciclabile ha alimentato un dibattito e contrasti. C’è chi pensa che non sia un priorità. E tra gli scettici c’è anche chi dice: “Era giusto farla, ma Napoli non è adatta alla bici perché ci sono troppe salite”. Ma anche in questo caso, io non sono d’accordo, per pedalare le soluzioni ci sono».

La ciclofficina di piazza del gesù, a Napoli

La ciclofficina di piazza del gesù, a Napoli

E proprio a Napoli, un’alternativa vincente per convincere anche gli scettici, può essere la bici elettrica. Il boom dell’elettrica è un fenomeno globale, soprattutto in Asia. In Italia, il business della pedalata assistita è ancora marginale, ma potenzialmente enorme: «Tanto che a Napoli – conferma Simeone – i numerosi venditori di scooter si stanno un po’ riconvertendo e ora propongono tutti anche le bici elettriche. La soluzione della pedalata assistita può essere vincente a Napoli: certe immagini anche folkloristiche, delle famiglie intere su un ciclomotore senza casco, oggi, si vedono molto meno. La bici e, in particolare, quella elettrica, sono un’alternativa che qui sta già avendo un discreto successo».

La pedalata assistita, insomma, può essere la chiave per portare una città non più abituata a pedalare a riscoprire la bicicletta. E tra la bici elettrica e quella tradizionale, il legame sarà stretto, una volta che verrà favorito il cambiamento di mentalità. «Ma, ovviamente, anche la bici elettrica non basta per cambiare. Perché ci vuole anche una città con strutture e spazi adeguati: e a settembre, proprio nell’ambito del bike festival di Napoli, verrà presentato finalmente il primo Biciplan della città. Ovvero un progetto volto a favorire la mobilità sostenibile per i prossimi anni».

A piazza del Gesù, gli scugnizzi che prima correvano scalzi o sgommavano in motorino senza casco, ora escono felici dalla ciclofficina con le loro biciclette ritornate a funzionare: se ne vanno al mare. Sono felici.

2346

Le bici elettriche, a Napoli, sono già un business interessante

Le bici elettriche, a Napoli, sono già un business interessante

97

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.