di Gino Cervi

È possibile raccontare la storia dei successi sportivi di una squadra ciclistica, e per di più in forma di romanzo? Difficile, si direbba, ma c’è chi ci è riuscito. Alessandro Freschi, parmigiano, cicloamatore ma soprattutto appassionato collezionista di memorabilia di ciclismo, e anche di altri sport. Il libro s’intitola Un parmigiano al Parco dei Principi e racconta la fantastica parabola del gruppo sportivo Salvarani, che in bicicletta, e con i migliori atleti del momento, vinse quasi tutto in campo ciclistico, dal 1962 al 1972. Le maglie azzurre con la scritta bianca incorniciata di nero, e la S iniziale grande: chi ha negli occhi quel ciclismo anni Sessanta difficile che non le ricordi, anche fosse dentro la plastica opaca di una biglia da spiaggia.

freschi-un-parmigiano-al-parco-dei-principi

 

Il racconto è affidato, molto letterariamente, a una figura singolare: Romano Belli, fotografo, incaricato proprio dall’azienda parmigiana che costruiva cucine, di seguire da vicino, e nello stesso tempo con discrezione, l’avventura sportiva dei corridori, in giro per le strade del mondo.

Come in un’indagine alla ricerca del particolare nascosto, del dettaglio sfuggito in una foto, Freschi restituisce, attraverso i dialoghi serrati e avvincenti con Belli, una riuscita ricostruzione di quel mondo di sport, ma anche di una città, Parma, e del suo territorio, che si affacciano con successo nell’Italia del boom. Vittorio Adorni, enfant du pays, e Felice Gimondi, Rudy Altig e Marino Basso, vincitore del Mondiale a Gap, ai danni del povero Bitossi, ma anche corridori meno noti, da Dino Zandegù al crossista Renato Longo, a Luciano Armani, Ercole Gualazzini, Carlo Chiappano, sono i nomi intorno a cui ruota la storia. Una storia di passione per uno sport, come il ciclismo, sempre ricco di umanità da raccontare.

Romano Belli è un’invenzione letteraria. Non è mai esistito, ma è la proiezione fantastica di chi avrebbe voluto vivere in prima persona quella straordinaria epopea, provinciale e al tempo stesso “mondiale”.

Alessandro Freschi, Un parmigiano al Parco dei Principi. Il gruppo sportivo Salvarani in cima al mondo, Azzali Editori, Parma 2013, pp. 216, 16 euro

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.