9-Revolution

Quando Aristotele introdusse il termine “etica” il nostro mondo era ancora saldamente ancorato, si fa per dire, al periodo a.C.

Ne sono passati di anni da allora e questo concetto filosofico, nelle salite e nelle discese della Storia, ha dovuto affrontare prove di resistenza molto difficili, ardue, alcune volte quasi impossibili!

L’etica non è una cosa che si può comperare o trovare per strada. Non la si può inventare! L’etica è una costruzione minuziosa di molti frammenti comportamentali, d’ingranaggi di intelligenza, di pezzi insostituibili di correttezza, di elementi di  buon senso, di componenti d’integrità morale e di coerenza, che messi insieme formano una “macchina” di grandissima e straordinaria utilità: l’onestà!

Essendo questa l’epoca delle macchine verrebbe da dire che queste ultime siano la massima espressione dell’intelligenza e della tecnologia umana ed invece, loro, le macchine,  hanno addirittura sorpassato i loro creatori, sovvertendo le parti, conquistando nel tempo un potere assoluto, relegando gli esseri umani ad un ruolo di gregari, diventati loro malgrado interpreti passivi e schiavi dello loro proprie invenzioni!

Solo una di queste macchine ha saputo mantenere una propria coerenza, una sua moralità, una dose di immenso buon senso, che verrebbe da pensare sia dotata di un’ intelligenza superiore, talmente è vicina all’uomo, ai suoi bisogni e soprattutto al suo futuro: la bicicletta!

Questa “macchina” di grandissima e straordinaria utilità, oltre ad esse la massima espressione di una meccanica onestà, è l’essenza di quello che Aristotele in un tempo remoto definì come etica e cioè il raggiungimento della felicità attraverso l’esercizio al più alto livello delle facoltà proprie dell’essere umano!

Certamente non si può considerare la bicicletta come un organismo vivente facente parte della razza umana, sarebbe ridicolo, ma più ridicolo ancora sarebbe non considerare questo veicolo come una “specie umanistica”, una progenie discendente da intuizioni superiori che, come testimone di una illuminante sintesi del sapere, tramanderà per l’eternità le straordinarie capacità d’inventare il futuro ed il genio dell’uomo!

“Revolution” – opera di Roberto Sironi –acrilico su cartoncino

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.