Schermata 2013-06-05 alle 23.14.35

foto: archivio Wilier Triestina

Le aziende italiane lo stanno capendo: per avere buon gioco sul mercato bisogna valorizzare anche il territorio. Lo abbiamo visto quando siamo andati a Napoli per il Giro d’Italia (e lo abbiamo raccontato nel numero 3 di cycle! che trovate in libreria) e lo abbiamo ritrovato, naturalmente, anche altrove.

In Veneto un riscontro importante e piacevole è quello di Wilier Triestina. L’azienda capitanata dai fratelli Gastaldello, appoggiandosi ad un tour operator, ha messo in piedi l’iniziativa Wilier Ways. Un modo per far pedalare in Italia ma anche un modo per andare a pedalare lontano. Diverse le iniziative, ma le più interessanti riguardano proprio la valorizzazione del territorio. Rossano Veneto, sede dell’azienda dello storico color ramato è in una zona naturalmente ciclistica. La pianura per chi vuole, ma ad un passo ci sono le colline e le montagne. Anche senza arrivare al Monte Grappa c’è da scalare il Montello dai suo versanti. Scegliendo il percorso del mondiale del 1985 (ricordate la beffa di Zoetemelk al nostro Argentin?) oppure quello più recente dell’ultimo Giro d’Italia. Tanti chilometri tra filari d’uva e strade strette dominio delle biciclette prima che delle automobili.

03062013-GPR_1001

Michele Gastaldello, con i suoi fratelli è a capo di Wilier Triestina e segue le iniziative Wilier Ways

Americani, Tedeschi e Australiani impazziscono per pedalare da queste parti. E Wilier Triestina offre il supporto necessario per organizzare i viaggi con tour culturali e di sapore ciclistico. Compresa la visita in azienda. Perché quando si ha una storia alle spalle è bello raccontarla. È un valore in più anche per la propria azienda. (GR)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.