Copyright Andalo 2013

Copyright Andalo 2013

Di Lorenzo Franzetti

A Malé, i professionisti italiani a contendersi il titolo nazionale erano qualche decina: 75 partenti. Numeri da gara locale. Cifre insolite per una qualsiasi gara in Trentino. Non lontano dalla Val di Non, ad Andalo, si è disputato invece il Meeting Nazionale dei Giovanissimi: simbolicamente, una sorte di campionato italiano dei cuccioli del pedale. Iscritti più di 2.000 miniciclisti provenienti da tutta Italia.

Copyright Andalo 2013

Copyright Andalo 2013

Un sospiro di sollievo, dunque: i vertici del ciclismo soffrono e si vede. La base fa festa e mette allegria: ad Andalo è andato in scena il vero campionato italiano, verrebbe da dire… Insomma, il futuro è meno cupo del presente.  Merendine e bicchieri di latte, palpiti e lacrime di tensione, abbracci di mamme. E voglia di pedalare, scattare, impennare… Pane e nutella come premio? Magari. Sui prati di Andalo splende un sole che riempie il cuore: pulmini lucidati a nuovo, altri sgangherati, arrivati in comitiva dalle provincie italiane. Pane e salame per mamma e papà. Figli in azione, la passione che sboccia, una vita davanti. Genitori col cuore in gola, l’emozione indescrivibile nel vedere una parte di sé, fare qualcosa di bello, qualcosa di unico, un’esperienza che resterà nella memoria dei bimbi per molti anni.

[vimeo]http://vimeo.com/68910249#[/vimeo]

La passione ciclistica è una semente pazientemente coltivata da famiglie e migliaia di volontari: nonni, zii, ex atleti, ex campioni mancati. L’orgoglio è una maglietta sgargiante con il nome della squadra: sì, correre in una squadra. E una bici lucidata a puntino, come quella dei campioni.

9107301503_3cedff639f_cLa passione ciclistica e “il debutto in società” per una generazione di minicorridori, molti dei quali finiranno con ginocchia sbucciate e col fiatone, qualcuno scenderà di bici altri continueranno, per anni, per sempre: fino a diventare papà e mamme ciclisti, fino a, chissà, a vincere un Giro d’Italia o semplicemente continuare a vivere le domeniche con pane e salame. Si parte presto la mattina, tutti in macchina già all’alba: per andare a correre, per vivere la festa in bicicletta.

Andalo e i suoi prati verdi hanno celebrato tutto ciò: non importa chi ha vinto, anzi è davvero superfluo. Hanno vinto tutti. Ivan Santaromita, campione italiano professionisti, ha cominciato come quei bambini.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.