12062013-GPR_1532

di Guido P. Rubino (foto GR)

Se si parla di mobilità urbana e soluzioni per far pedalare più gente possibile nelle città, prima o poi si va a sbattere su un argomento spinoso: il casco. Per chi pedala da tanto tempo e lo usa regolarmente è quasi scontato, il problema non sembra sussistere, ma quando lo si tira fuori nell’ambito politico, economico, promozionale, si generano correnti di cui, a quanto pare, si deve tenere conto.

Il casco, c’è poco da fare, per molti è visto come un freno alla diffusione della bicicletta. Un’idea folle? No a quanto pare. Almeno a vedere dati riportati da varie parti del mondo.

587 traumi cranici a causa delle cadute in bici ogni anno, non sarebbe meglio concedersi un casco? - recita la il gadget dato a Velo-City

587 traumi cranici a causa delle cadute in bici ogni anno, non sarebbe meglio concedersi un casco? – recita la il gadget dato a Velo-City

Attenzione, in questo caso non si discute sull’utilità o meno del casco, ma della sua percezione a livello sociale.
Il rischio, sottolinea l’ECF (European Cyclist Federation) è che le leggi sul casco abbiano la precedenza (e siano usate come scusa) al posto di rendere le strade più sicure per i ciclisti. In Italia la questione è stata affrontata a più livelli e le prospettive di una legge sul casco obbligatorio erano preoccupanti in effetti: dal rischio di dire che si è fatta qualcosa per i ciclisti mettendo un obbligo per loro, senza toccare chi (e cosa) possa essere davvero un pericolo per l’andare in bicicletta, all’occasione per le assicurazioni come argomento in più da impugnare.

L’occasione di Velo-City è stata di mettere a confronto diverse realtà internazionali (si è arrivati fino in Australia), dove i partecipanti hanno riportato la situazione dei loro paesi e gli studi annessi sull’utilità del casco. Fermo restando che il casco, ad averlo indossato, non hai mai ucciso nessuno. E onestamente, come cycle! e, soprattutto, come pedalatori quotidiani, la nostra esortazione rimane sempre nell’indossarlo. Non è certo la soluzioni ai problemi di sicurezza, ma è un aiuto in più che, vista la qualità raggiunta (pensiamo anche in termini di comfort: il casco in estate protegge dal caldo!) non ha senso lasciare a casa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.