speckSi parte? non si parte? Mentre la tappa è falgellata dal maltempo conviene concentrarci sui vini. Siamo in Alto Adige, precisamente in Val Venosta. La patria dello speck, delle mele e delle albicocche, che tra queste montagne tirano fuori profumi spettacolari. I vigneti, che trovano qui un clima ideale (questa è la zona con meno precipitazioni dell’area, il sole è spesso presente e le escursioni termiche fanno quello che farebbero gli insetticidi: tengono a bada i parassiti), regalano vini bianchi asciutti e delicati, come il Müller-Thurgau, vino conosciutissimo e dall’inconfondibile sapore aromatico, il più fruttato Riesling, dalle note di pesca, albicocca e mela verde e il Pinot Bianco. Non mancano neanche i vini rossi, spesso a base Pinot Nero.

Tra i vini segnalo il Riesling Rifall della Cantina Erste+ Neue, un vino che ricorda quei sentori di albicocca che riportano a queste valli. Fresco e armonico, il Rifall è un vino molto equilibrato.

val-venosta-047 Mele-Val-Venosta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.