©archivio Primavera del Prosecco Superiore

©archivio Primavera del Prosecco Superiore

Chissà se i corridori ne sentiranno l’odore. Il Giro, oggi, passa tra i vigneti del Conegliano Valdobbiadene, le terre dello storico Prosecco simbolo di mille vittorie, ciclistiche e non solo (uno dei main sponsor del Giro è proprio Astoria, azienda leader nella produzione delle mitiche bollicine trevigiane, le più “agitate” dai campioni di tutto il mondo!).
Il connubio tra bici e vino, in questa tappa, è perfetto.

Muro_Passaggio_ciclisti_2bIl momento clou della tappa sarà l’ormai storica salita di San Pietro di Feletto. Il Giro torna qui per la prima volta dopo il 2009 e sempre qui sarà assegnato anche il Premio della Montagna, precisamente sul Muro di Ca’ del Poggio. Per l’occasione verrà allestita la bicicletta più grande d’Italia, naturalmente rosa, e composta da 1.300 metri di lampadine (12 metri di diametro!) che di rosa coloreranno le vigne del Prosecco.

E il parterre che attenderà i pro sarà composto da altrettanti campioni: Oscar De Pellegrin, campione paraolimpico di Carabina e Tiro con l’Arco, Rossano Galtarossa, canottiere, Silvio Fauner, ex fondista e allenatore di sci nordico e Pietro Piller Cotter, anche lui ex fondista.

Sarà la festa dello sport che celebra lo sport e attende il passaggio del Giro, con in mano un bicchiere di Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG.

archivio Primavera del Prosecco Superiore

©archivio Primavera del Prosecco Superiore

archivio Primavera del Prosecco Superiore

©archivio Primavera del Prosecco Superiore

2 Responses

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.