Foto di Nano Bertoz: arrivo a al Parco Parker-Lennon

Foto di Nano Bertoz: arrivo a al Parco Parker-Lennon

Sabato 11 maggio Bologna è stata occupata da 300 automobili esposte nelle 3 principali piazze del centro storico. In occasione del cinquantesimo anniversario della casa automobilistica Lamborghini 300 auto d’epoca sono state parcheggiate nelle zone pedonali di Piazza Maggiore, Piazza Minghetti e Piazza Galvani. Uno sfoggio un po’ triste e malinconicamente pompato dai media in un momento in cui le rate delle auto stritolano i bilanci familiari e la città soffoca nel traffico. Ma il giorno seguente è arrivata la risposta di un’altra Bologna, quella di migliaia di cittadini che guardano al futuro e hanno trovato un modo diverso di spostarsi: per la quarta edizione si è ripetuta l’esplosione di allegria e divertimento del Bike Pride Bologna (www.bikepridebologna.it), la parata dell’orgoglio ciclistico gemella della manifestazione torinese dal 2010 (www.bikepride.it). Un successo senza precedenti per la capitale felsinea, ecco un breve fotoracconto per chi se l’è perso!

Foto di Stefano Scheda

Foto di Stefano Scheda

Foto di Stefano Scheda:

Foto di Stefano Scheda:

Tra le associazioni promotrici anche la Oltre, artefice della storica ParTòt Parata, - corteo rigorosamente a piedi - che vedrà la sua decima edizione il prossimo 15 giugno 2013. (foto di Stefano Scheda)

Tra le associazioni promotrici anche la Oltre, artefice della storica ParTòt Parata, – corteo rigorosamente a piedi – che vedrà la sua decima edizione il prossimo 15 giugno 2013. (foto di Stefano Scheda)

A capitanare la parata l'Arca realizzata dai ragazzi del Bike Pride Bologna grazie all'ospitalità del Senza Filtro - Centro di smistamento delle arti differenti. Un'Arca che porta in salvo coppie di biciclette per salvarle dal diluvio del traffico, in attesa di ripopolare la terra di mezzi puliti

A capitanare la parata l’Arca realizzata dai ragazzi del Bike Pride Bologna grazie all’ospitalità del Senza Filtro – Centro di smistamento delle arti differenti. Un’Arca che porta in salvo coppie di biciclette per salvarle dal diluvio del traffico, in attesa di ripopolare la terra di mezzi puliti

Ore 14.30: continuano ad arrivare ciclisti in Piazza con i mezzi e i travestimenti più stravaganti, come il gruppo di Zona 30 da Modena. (foto di Stefano Scheda)

Ore 14.30: continuano ad arrivare ciclisti in Piazza con i mezzi e i travestimenti più stravaganti, come il gruppo di Zona 30 da Modena. (foto di Stefano Scheda)

Su un risciò BiBo, ci raggiunge anche il Comitato Scuola Pubblica, in fermento per il referendum cittadino sui finanziamenti alle scuole private previsto per il prossimo 26 maggio. (foto di Marina Brizzi)

Su un risciò BiBo, ci raggiunge anche il Comitato Scuola Pubblica, in fermento per il referendum cittadino sui finanziamenti alle scuole private previsto per il prossimo 26 maggio. (foto di Marina Brizzi)

Tra gli organizzatori, molti volontari del gruppo bolognese raccolto sotto il logo della campagna Salvaiciclisti (Foto di Alessandro Resci)

Tra gli organizzatori, molti volontari del gruppo bolognese raccolto sotto il logo della campagna Salvaiciclisti
(Foto di Alessandro Resci)

Straordinari personaggi popolano la piazza, come la attesissima Capitana 30, eroina che combatte la velocità dei mezzi a motore con il limite dei 30 km orari e salva ciclisti e pedoni. (foto di Alessandro Resci)

Straordinari personaggi popolano la piazza, come la attesissima Capitana 30, eroina che combatte la velocità dei mezzi a motore con il limite dei 30 km orari e salva ciclisti e pedoni. (foto di Alessandro Resci)

Ore 15: finalmente si parte, a sfilare anche il gruppo CEFA Onlus, impegnato nella raccolta fondi che premia i donatori con un viaggio in bicicletta in Tanzania. (Foto di Stefano Scheda)

Ore 15: finalmente si parte, a sfilare anche il gruppo CEFA Onlus, impegnato nella raccolta fondi che premia i donatori con un viaggio in bicicletta in Tanzania. (Foto di Stefano Scheda)

Foto di Monica Cuoghi

Foto di Monica Cuoghi

Foto di Monica Cuoghi

A fare la gioia di tutti, la presenza di tantissimi bambini, trasportati o in sella su speciali mezzi dedicati a loro. (Foto di Monica Cuoghi)

Foto di Stefano Scheda

Foto di Stefano Scheda

Il tema proposto dagli organizzatori per questa edizione è stato quello dell'Evoluzione: dal futuro arrivano alieni, robot e strani animali, tutti rigorosamente in bicicletta. (Foto di Stefano Scheda)

Il tema proposto dagli organizzatori per questa edizione è stato quello dell’Evoluzione: dal futuro arrivano alieni, robot e strani animali, tutti rigorosamente in bicicletta. (Foto di Stefano Scheda)

Foto di Stefano Scheda

Foto di Stefano Scheda

Ore 16: uscito dal centro, il corteo sempre più numero si inoltra nel sogno proibito di tutti i ciclisti urbani, i viali che circondano l'anello delle mura finalmente popolato di mezzi silenziosi, veloci e armoniosamente insieme. (Foto di Stefano Scheda)

Ore 16: uscito dal centro, il corteo sempre più numero si inoltra nel sogno proibito di tutti i ciclisti urbani, i viali che circondano l’anello delle mura finalmente popolato di mezzi silenziosi, veloci e armoniosamente insieme. (Foto di Stefano Scheda)

Ore 16.30: il silenzio dei movimenti centrali è ampiamente compensato da risate e musica e canzoni lanciate dai tanti mezzi con sound system a bordo, come il meraviglioso risciò Bababa, scatenato animatore della parata. Ogni sosta diventa momento di esaltazione ciclistica. (Foto di Sofia Zamboni)

Ore 16.30: il silenzio dei movimenti centrali è ampiamente compensato da risate e musica e canzoni lanciate dai tanti mezzi con sound system a bordo, come il meraviglioso risciò Bababa, scatenato animatore della parata. Ogni sosta diventa momento di esaltazione ciclistica. (Foto di Sofia Zamboni)

Ore 17.00: arrivati in Piazza VIII agosto dopo aver circumnavigato tutta la città, possiamo finalmente capire quanti siamo. Riempiamo la metà di una piazza immensa, siamo più di 2000 persone!!  Foto_19 di Gilberto di Maccio

Ore 17.00: arrivati in Piazza VIII agosto dopo aver circumnavigato tutta la città, possiamo finalmente capire quanti siamo. Riempiamo la metà di una piazza immensa, siamo più di 2000 persone!!

Alla volta del quartiere Bolognina, sul ponte ferroviario della Stazione Centrale, minacciosi nuvolosi oscurano per un momento il clima di festa. Ma la nostra Arca indica la via e protegge i ciclisti. (Foto Gilberto Di Maccio)

Alla volta del quartiere Bolognina, sul ponte ferroviario della Stazione Centrale, minacciosi nuvolosi oscurano per un momento il clima di festa. Ma la nostra Arca indica la via e protegge i ciclisti. (Foto Gilberto Di Maccio)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.