IN REPARTO

Lo staff e i corridori dell’Androni, con i bambini del bicibus, in visita al reparto pediatrico dell’ospedale di Ivrea

Una simpatica iniziativa si è svolta ad Ivrea, coinvolgendo i bambini delle scuole primarie di Ivrea e dei paesi limitrofi. Per i ragazzi del Team Androni-Venezuela la giornata è iniziata con la ricognizione degli ultimi chilometri di quella che sarà la 16° tappa del giro d’Italia Valloire – Ivrea del prossimo 21 maggio 2013. Successivamente, la squadra e  il Team Manager Gianni Savio si sono recati in Piazza di Città dove ad attenderli c’era il il primo cittadino Carlo Della Peppa con la Giunta Comunale al completo ed il comitato di tappa presieduto da Luigi Ricca e dal Vice Alberto Rostagno. Presso lo stend allestito in collaborazione con lo sponsor tecnico Bianchi e con il rivenditore di zona cicli Tessiore, c’è stato l’arrivo di tutti i ragazzi del Bicibus ed alcuni appassionati, è stato un vero e proprio caloroso abbraccio per gli atleti e dirigenti del Team.

Dopo gli autografi, la scia dei “ciclisti” di ogni età, preceduta dalle staffette della polizia municipale di Ivrea con chiusura rappresentanta dagli amministratori Eporediesi, ha percorso le vie cittadine giungendo così al presidio ospedaliero di Ivrea presso il reparto pediatrico dove ad attenderli, oltre caloro entusiasmo degli ospiti erano presenti il direttore generale della A.S.L. TO 4 Dott. Flavio Boraso e il primario Dott.Alberto Bonomi e il direttore sanitario del presidio ospedaliero di Ivrea Dott.sa Maria Cristina Bosco. Bellissimo e carico di significati, il momento di solidarietà con la donazione dei giochi,  messi a dispozione dall’industrialeMario Androni, ai giovani ospiti del reparto i quali hanno gradevolmente  ricambiato con splendidi sorrisi.

Il tutto si è svolto con la partecipazione dei media locali che non si sono fatti sfuggire l’occasione di poter intervistare i due giovani  gioielli  del Team italo-venezuelano, Fabio Felline e Diego Rosa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.