masetti2Da Colonia a Calais, il mio viaggio fu quasi sempre umido, e verso la fine anche un po’ disgraziato. Già, quanto al tempo, fui molto più fortunato l’anno passato; ché in tutto il lungo viaggio di Parigi, Berlino e Vienna non presi che tre acquazzoni. Pazienza! La salute è sempre ottima: e le ore di sole mi sembran più belle quando vengono a rasciugarmi e a riempirmi di gaiezza che m’è soltanto data appunto dal sole.

Il mio Eolo, poveretto, nonostante la terribile caduta del Sempione, non potrebbe farmi un servizio migliore. S’accontenta che gli dia spesso molta biada ben oleata, e corre sempre d’un buon trotto; anzi, quando la strada glielo permette, mi fa delle volatine deliziose. Avant’ieri soltanto, verso i mezzogiorno,  mi cadde improvvisamente  ammalato, ancora in conseguenza certamente della vecchia ferita. Tuttavia spero che, una volta rimarginata anche questa, mi trasporterà felicemente attraverso le ignote plaghe del mondo.

Tratto da:

anarchico

http://www.ediciclo.it/index.php?qr=&pagid=prod_list&filter_active=1

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.