bartalif

Di Angelo De Lorenzi

Il terremoto dell’Emilia ha lasciato brutti ricordi nelle case, ma non ha annichilito il buon cuore degli emiliani. A Mirabello, provincia di Ferrara, anche i muri di un asilo frequentato da 70 bambini è stato sbrecciato e la struttura, per ora, è inutilizzabile. Per dare un aiuto a questi piccoli che vorrebbero tornare a ridere e scherzare nel loro asilo, la Fondazione Gino Bartali coadiuvata dall’Associazione Nazionale Carabinieri, protagonisti dei primi soccorsi dopo il terremoto, hanno promosso una lodevole iniziativa: il 2 marzo daranno vita ad un’asta il cui ricavato andrà interamente in beneficenza per ricostituire l’asilo danneggiato dal terremoto. Ci saranno 33 oggetti che potranno essere ammirati e poi acquistati dal miglior offerente; cimeli, magliette della nazionale azzurra di ciclismo, un ferro di Varenne, la maglia azzurra di Pirlo autografata dalla nazionale di calcio, borracce autografate dai campioni di vari sport, il cappellino autografato da Thomas Voeckler (campione nazionale francese e maglia a pois del Tour de France), la maglia autografata da Oscar Gatto, il body azzurro della nazionale di ciclismo, una maglia azzurra della nazionale di rugby.

«Abbiamo pensato che l’asta dovesse svolgersi in una location importante e quindi – spiega Laura Guerra ideatrice dell’iniziativa intitolata Bartali & Friends – e per questo motivo è stato scelto un posto evocativo come il Museo dei Campionissimi di Novi Ligure. Io abito a Cento, in provincia di Ferrara, a pochi chilometri da quell’asilo e non potevo rimanere insensibile al problema. Così ho iniziato a raccogliere i pezzi e grazie alla generosità di varie persone siamo arrivati ad accumulare gli oggetti che andranno all’asta».

«Dobbiamo ringraziare il sindaco di Novi Lorenzo Robbiano – aggiunge la promotrice dell’iniziativa –  che ha accolto a braccia aperte la proposta della Fondazione Bartali e che renderà possibile lo svolgimento della manifestazione».

Gino Bartali diceva che se lo sport non è scuola di vita e di solidarietà… allora non serve a niente. Quindi… l’appuntamento è per sabato 2 marzo alle ore 16.30 presso il Museo dei Campionissimi di Novi Ligure (Al).

http://www.museodeicampionissimi.it/

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.