Il lago attorno al quale sorge la città

Il lago attorno al quale sorge la città

di Paolo Menaspà

Come successe nel 2011, nel mese di dicembre mi è toccato lasciare la “mia” Adelaide per trasferirmi nella capitale australiana. Dico mi è toccato, perché Canberra è considerata come un posto “terribile”, e quado scoprono che stai per andarci ti dicono «mi dispiace!».  Non tanto perché Camberra sia brutta quanto perché, apparentemente, non è il massimo in quanto a locali e divertimenti. È una città nota per essere monotona. In realtà, seppur non ricca di locali, è il posto ideale per le persone che amano fare attività all’aria aperta!

Canberra è una città modernissima, ha infatti circa 100 anni. La città non è particolarmente grossa, e di certo è percepita come una country town (città di campagna). Non ci sono grattacieli, non c’è mai traffico e gli spazi sono immensi. È stata disegnata intorno a un lago (il quale è stato a sua volta disegnato e costruito artificialmente), attorno al quale è possibile pedalare ininterrottamente su pista ciclabile per circa 30 km. Coincidenza vuole che anche il giro del lago di Varese (dove i ciclisti australiani hanno base in Europa) sia di circa 30 km.

A Canberra ha sede l’Istituto Australiano dello Sport, con il dipartimento di fisiologia presso il quale sto facendo il dottorato. Come ad Adelaide, ogni giorno pedalo per andare in ufficio e tornare a casa. Alcuni colleghi mi hanno raccontato che prima di acquistare casa hanno disegnato un cerchio sulla cartina, con al centro l’Istituto, e cercato casa a una distanza che fosse percorribile in circa 40 minuti di bici. Perché? Semplice: se si abita più vicino (diciamo 20 minuti) non si fa abbastanza esercizio, mentre se si ha casa più distanti (per esempio a un’ora di viaggio a pedali) in certe situazioni (ritardo o pigrizia) si potrebbe essere tentati di prendere la macchina!! Incredibile, no?

Una delle cose che mi ha stupito è il modo nel quale urbanizzano in Australia: prima costruiscono le infrastrutture e solo in una fase successiva abitazioni, scuole, negozi, eccetera. Come si può vedere nella foto sotto, quando le case non esistono… le piste cilabili sono già predisposte!

Ecco come si costruisce una civiltà che pedala.

Strade (e piste ciclabili) in costruzione

Strade (e piste ciclabili) in costruzione

 

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.