L’università di Verona, prima in Italia, propone un corso di perfezionamento per promotori della mobilità ciclistica. In Europa, le bici sono elementi fondamentali per le reti di trasporto urbano e non: anche in Italia, ora, si comincia a pensare a nuove figure professionali che  forniscano sostegno competente alle amministrazioni pubbliche (ma non solo) che decidano (finalmente) di investire su una mobilità sostenibile sul territorio.

Piste ciclabili, zone 30, come bici-stazioni, noleggi e bike sharing, percorsi intermodali: la materia, oggi, non è più soltanto strumento per l’immagine per politici in campagna elettorale, ma è una cosa seria, che va studiata al fine di migliorare la qualità della vita delle nostre città. Migliorare la mobilità ciclistica, e metterla in sicurezza ha benefici notevoli anche dal punto di vista economico, non soltanto sociale, ambientale e sanitario.

Il corso è a numero chiuso e a pagamento. Sul sito dell’Università di Verona, trovate le informazioni più dettagliate:

http://www.univr.it/main?ent=offerta&fac=8&tcs=P#CorsodiPerfezionamentoediAggiornamentoprofessionaleinNuovafiguraprofessionale%E2%80%93promotoredellamobilit%C3%A0ciclistica

Che ne pensate?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.